DIETA E CELLULITE: UN PROBLEMA DI INFIAMMAZIONE

22.03.2017 18:35

Considerata dalla maggior parte delle donne (si stima che l’80% della popolazione femminile abbia o abbia combattuto contro questo problema) come un semplice inestetismo, in realtà la cellulite, dal punto di vista medico, è una malattia di origine infiammatoria.

Non affligge solo le donne in sovrappeso, ma può facilmente interessare anche strutture fisiche normopeso o addirittura magre.

La cellulite è in realtà un’alterazione dell’ipoderma con ipertrofia delle componenti connettive e adipose. Tale stato è definito clinicamente PEFS, acronimo di pannicolopatia-edemato-fibrosclerotica. In questa condizione, esiste una modificazione nell’equilibrio dei sistemi venoso e linfatico, che provocano perciò un rallentamento del flusso ematico e una stasi di liquidi negli spazi intercellulari (la cosiddetta ritenzione idrica).

La cellulite subisce anche una precisa evoluzione nel tempo, passando attraverso tre fasi distinte :

-La prima fase si chiama cellulite edematosa, ovvero caratterizzata da gonfiore diffuso.

-La seconda fase si chiama cellulite fibrosa, in quanto la pelle è dura al tatto.

-La terza fase si chiama cellulite sclerotica (indurita) ed assume l'aspetto a "materasso".

 

Le cause sono molteplici: genetiche, endocrine, vascolari, alimentari o posturali.

Per risanare la situazione, bisognerebbe intervenire in modo da favorire il riassorbimento del grasso : questo sarebbe possibile eliminando le cause che hanno provocato infiammazione e il rallentamento del flusso sanguigno.

Una delle armi che si ha a disposizione è sicuramente rappresentata da un’alimentazione corretta. Ciò che mangiamo può influenzare moltissimo la nostra salute sia nel breve che nel lungo periodo. Si parla di alimentazione o dieta antinfiammatoria.

È da sottolineare che alcuni alimenti, molto diffusi nella dieta occidentale, possono essere in grado di causare una condizione di infiammazione o di peggiorarla: in particolare, le carni rosse, gli insaccati e derivati del latte.

L'alcol è causa di flogosi ed affaticamento epatico e dovrebbe essere consumato sempre con molta moderazione. I grassi idrogenati, il cibo da Fast Food, gli alimenti confezionati e di preparazione industriale, ricchi di coloranti ed aromi artificiali, conservanti, solfiti ed additivi vari, ma anche i dolciumi, le bevande zuccherate, le farine e tutti gli alimenti raffinati possono indurre il rilascio di molti mediatori di flogosi ed essere causa di iperinsulinemia.

Per ovviare a ciò bisogna prediligere nella propria dieta:

-       legumi, cereali integrali, frutta secca, verdura ed ortaggi, nonché i prodotti ittici, in quanto fonti di antiossidanti ed acidi grassi pregiati dalle proprietà antinfiammatorie.

-       l’idratazione dell’organismo è indispensabile sia per combattere il ristagno dei liquidi sia favorire la liberazione di tossine che causano infiammazione; ogni giorno è consigliato bere da 1,2 a 2 litri di acqua oligominerale.

-      fondamentale è il consumo di frutta, ortaggi e verdura sia in relazione con la riduzione degli episodi da infiammazione da cibo; sembra che gli antiossidanti giochino un ruolo fondamentale nello svolgere questo effetto protettivo.

-       poco sodio (sale) e molto potassio, per regolare l'equilibrio idrico dell'organismo e la distribuzione dei fluidi sulla parete delle cellule;

-       prediligere cibi ricchi vitamina C, betacarotene e bioflavonoidi, i primi contrastano i danni provocati dalle alterazioni metaboliche locali; i bioflavonoidi (meglio se associati con vitamina C), rafforzano invece le pareti dei vasi sanguigni evitando così la fuoriuscita di liquidi che ristagnano nelle aree cellulitiche.

-       principi amari (come la cinarina del carciofo), che stimolano l'attività del fegato, sia a livello depurativo che nella gestione dei grassi.

-      VITAMINA E, che aiuta il sistema circolatorio , oltre a rappresentare un potente antiossidante.

 

Ma quali sono i cibi più efficaci per contrastare questo inestetismo? la mela rossa ricca di antiossidanti, meglio se mangiata con la buccia che contiene piruvato (riduce la ritenzione tonificando e riducendo l'assorbimento dei grassi), il pompelmo rosa, con grandi quantità di vitamina c che migliora la circolazione, ananas perfetto per favorire la diuresi perché ricco di enzimi ed antiossidanti, il mirtillo e l'ippocastano che proteggono il microcircolo. Meloneanguriapesche e fragole sono ottime per favorire la diuresi.

V.CIARAVOLO